lunedì 21 maggio 2018

Review: Tredici 2. Le cassette erano solo l'inizio...

Amici e amiche di Dreaming Land, oggi non voglio parlarvi di un libro.
Vi parlerò di una serie televisiva che mi ha fatto fare nottata e che, com’è stato per la prima stagione, mi ha lasciato la testa piena di domande. Il 18 Maggio, Netflix ha rilasciato la seconda stagione di Tredici (13 Reasons Why), una stagione forse più discussa della prima, nonostante sia uscita da pochi giorni.
Dov’eravamo rimasti?
Hannah Baker è morta.
Non ha più retto, la vita era per lei diventata insopportabile.
Prima di andare via, ha registrato tredici audiocassette, ognuna con un protagonista. Ognuna di quelle cassette, svela una ben precisa ragione al suo gesto. Ti domandi per quale ragione una ragazza giovane e piena di vita come Hannah Baker decida di farla finita e, quando ascolti tutte e tredici le cassette, ti senti vuoto. Capisci, ti arrabbi.
Eravamo rimasti al punto in cui tutti i nodi sono venuti al pettine, la verità è venuta a galla e adesso è necessario che Hannah ottenga la giustizia che merita.
Se non avete ancora guardato la serie, vi consiglio di non leggere questa recensione, in quanto potrebbe contenere SPOILER.

lunedì 30 aprile 2018

Segnalazione: Uscite Quixote Edizioni dal 30 Aprile al 4 Maggio 2018

Cari amici di Dreaming Land, bentornati sul nostro blog. 
Oggi vogliamo segnalarvi tre nuove uscite che comprenderanno il periodo che va da oggi al 4 Maggio 2018. Una settimana intensa, nella quale Quixote Edizioni avrà modo di esaudire i desideri degli amanti di diversi sottogeneri del romance. 
Pronti? Iniziamo!

Il primo romanzo del quale voglio parlarvi è in uscita oggi. Si tratta di un romanzo a tema LGBT, un MM che vede protagonisti due migliori amici. 
Autore: K.C. Wells
Titolo: Pizzo
Titolo originale: Lace
Editore: Quixote edizioni
Pagine: 124
Genere: M/M contemporaneo
Prezzo: €1,99
Data d'uscita: 30 Aprile 2018
Sinossi: 
Quando Dave e la sua fidanzata si lasciano, Shawn prova a non farsi troppe illusioni sul suo migliore amico. Dopotutto, Dave è ancora etero, giusto? Sbagliato. Dave rivela di essere bisessuale e il cuore di Shawn comincia a battere più forte. Ama Dave da così tanto tempo, ma non ha intenzione di compromettere la loro amicizia dicendogli quello che prova davvero. 
Però, quando Dave scopre il piccolo kink di Shawn, comincia un capitolo tutto nuovo per i due amici, anche se Shawn non riesce a smettere di preoccuparsi: se non ci fosse alcun kink, Dave sarebbe lì? Shawn sarà così coraggioso da scoprirlo? 
Un racconto breve di desiderio, pizzi e… amore.

sabato 28 aprile 2018

Review: I figli dell'ombra di Cassandra Green


Amici di Dreaming Land, oggi voglio parlarvi di un libro scoperto per caso… e forse sarebbe stato meglio continuare a sguazzare nella mia ignobile ignoranza. È probabile che vi farò arrabbiare, perché sarò un po’ cattivella, ma non posso farci nulla.
Ho letto un libro e non mi è piaciuto.
Un libro scritto male e strutturato anche peggio.
Oggi voglio parlarvi di I figli dell’ombra di Cassandra Green, un romanzo self a metà strada tra il thriller e il fantasy che, però, presenta degli errori grossolani e uno stile acerbo, per non dire addirittura inesistente. Adesso ve ne parlerò in modo più approfondito, quindi indossate gli elmetti e seguitemi!

Titolo: I figli dell’ombra
Autrice: Cassandra Green
Prezzo: 0,99€
Editore: Self publishing
Voto: 1/5
Sinossi: (copiata da Amazon)
Quando durante una corsa mattutina un giocatore di Football, si imbatte nel cadavere della piccola Flo Gomez scomparsa il giorno prima, Victor Bell teme che quello sarà l'inizio di una serie di macabri delitti. Il suo intuito di poliziotto non sbaglia e il ritrovamento di altri corpi sarà per lui un'ulteriore conferma che quanto raccontatogli da suo padre era vero. Intanto la vita degli abitanti di Whitesouls scorre come da copione. Ognuno impegnato a svolgere i proprio doveri, così come il reverendo Morales ha imposto loro di fare per essere un bravo cristiano, per entrare nelle grazie di Dio. Quello che nessuno immagina è che un'oscura e antica presenza da sempre attratta dalla loro ipocrisia e falsità è tornata per spingere sette anime scelte per l'occasione alla dannazione eterna. Bell dovrà dare prova di grande fede per riuscire a scacciare i demoni che abilmente stanno contaminando i cuori dei suoi compaesani e quando tutto sembrerà ormai perduto tre portatori di luce accorreranno in soccorso dei "Giusti". Ma tutto ciò basterà ad estirpare il male dall'apparente tranquilla cittadina di Whitesouls? 

venerdì 27 aprile 2018

Review: La casa di carta

Cari amici di Dreaming Land, oggi voglio parlarvi di un argomento che purtroppo qui non viene trattato di frequente: i telefilm. Dovrei farlo più spesso, recensirvi i telefilm che mi sono piaciuti e quelli che proprio mi hanno fatto salire l’acido in corpo, e forse lo farò!
La casa di carta è una serie tv che ho iniziato e finito in soli tre giorni e che è riuscita a entrarmi in testa in modo allucinante. Non mi capita spesso, in genere mi affeziono a tutte le serie che guardo (e sono tante, davvero), ma questa è riuscita a toccare una corda della mia anima malandata. 
Fatta eccezione delle soap che mia madre mi costringe a guardare, la mia ultima esperienza con serie televisive spagnole risale alla preadolescenza. Era il periodo in cui tutti erano fissati con Paso adelante e io lo detestavo. Non volevo calarmi in un’altra serie spagnola che ero certa mi avrebbe delusa, poi però ho visto il cast e mi sono data una mossa. Ringrazio mia madre per avermi fatto conoscere Alvaro Morte (Professore) e Jaime Lorente (Denver) quando ancora il resto d’Italia non se li cagava neppure per sbaglio, è stata la loro presenza a incuriosirmi e a farmi iniziare questa serie. E grazie anche a donna Francisca, è merito suo se il Professore è diventato un genio del crimine! 
Ma bando alle ciance, vi lascio al trailer e tra poco vi dirò cosa ne penso. 

lunedì 16 aprile 2018

Recensione: La Cruda Verità di J.S. Finley


       Salve popolo di Dreaming Land, continuiamo il nostro viaggio della lettura nel genere MM con il libro La Cruda Verità, primo volume della serie Only you di J.S. Finley, libro in cui ho apprezzato delle cose e altre, invece, non mi hanno pienamente soddisfatta. Partiamo da un breve racconto della storia e poi vi spiego tutto.

Titolo: La Cruda Verità
Autore: J. S. Finley
Casa Editrice: Quixote Translation
Serie: Only you #1
Pagine: 195
Prezzo: 2,99
Dove Trovarlo: Amazon
Voto: 3,5
Sinossi:
A volte hai bisogno della cruda verità.
Jake.
Brent è sexy, ma ciò non ha importanza quando non si può avere ciò che si desidera. Loro due hanno preso strade diverse, dopo l’esercito, ma Jake non riesce dimenticare… Nell’esercito la regola è “non lasciare un uomo indietro”, però è questo ciò che ha fatto, quando è fuggito da Brent. Forse non è stata la reazione migliore, ma non poteva affrontare la verità. Ora ha una seconda occasione e non vuole mandare di nuovo tutto all’aria, invece, vuole un’occasione con Brent.
Brent.
Forse c’è qualcosa tra lui e Jake, ma Brent non può chiederglielo, e Jake non ne parla perché nell’esercito essere gay è un male. Il tempo guarisce tutte le ferite. Questo è ciò su cui Brent scommette, quando i due si incontrano tra le montagne del Tennessee. Brent spera di poter ricostruire la loro amicizia, ma se ci fosse l’opportunità di avere qualcosa di più, sarebbe più che pronto a coglierla.

domenica 8 aprile 2018

Review: Cobra di Amélie, arriva il primo romanzo della nuova serie Fuoco di Russia


   ♫ Il cobra non è un serpenteeee…♫
Sì, sono due giorni che canticchio questa canzone.
No, ragazzi, non sono impazzita. Non del tutto, almeno.
Perdonatemi, ma ho trascorso gli ultimi giorni a leggere il libro del quale voglio parlarvi e sono ancora in modalità Rettore, che Donatella mi assista! E che Amélie mi perdoni, perché voglio parlarvi proprio del suo ultimo romanzo: Cobra.
E come nella canzone, neppure qui il cobra è un serpente. È un pensiero frequente che diventa indecente… e si chiama Ruslan Isakov: un armadio di due metri per tre con gli occhi cangianti, una pala di soldi (ma anche due o tre), un sorriso diabolico e un paio di disturbi antisociali di personalità. No, a dire il vero, in questo romanzo il cobra è anche un serpente… ma non voglio spoilerarvi nulla. O meglio, non voglio spoilerarvi troppo.

Autore: Amélie
Titolo: Cobra
Serie: Fuoco di Russia #1
Casa editrice: Self publishing
Genere: Dark/Erotico
Prezzo: €2,99
Dove trovarlo: Amazon e gratis su Kindle Unlimited
Voto: 4/5
Data di uscita: Aprile 2018
Sinossi:
Avevo quattordici anni quando ho conosciuto l’uomo che avrebbe cambiato la mia vita: Ruslan Isakov.
Poi non l’ho più rivisto, ma non ho mai dimenticato il suo fisico imponente e forte, il suo volto sofisticato e virile, i suoi occhi cangianti, ora verdi ora nocciola, che mi guardavano come se volessero carpire i segreti più intimi della mia anima.
Non ho mai dimenticato il potere e la sicurezza che emanava, la sua voce ammaliatrice, le sue parole cariche di sottintesi.
La sera del mio diciottesimo compleanno, Ruslan è ricomparso per portarmi via, perché la mia famiglia mi ha venduta a lui e io ho lasciato che mi comprasse, decisa a salvare l’ultima cosa preziosa che mi era rimasta. Ruslan mi ha strappata via dalla mia adorata Tikhvin nel cuore della notte e alle prime luci dell’alba ero già a San Pietroburgo, intrappolata tra le pareti ostili della sua villa nascosta tra i boschi, in balìa di un covo di serpi. Ruslan è il peggiore della famiglia Isakov.
Lui è un cobra.
Il diavolo in persona.
E questa casa maledetta è l’inferno di cui sono destinata a diventare regina. 
Non so se sopravvivrò a loro e a tutto ciò che mi faranno, ma una cosa è certa: lotterò con ogni fibra del mio essere per non lasciarmi annientare. 

giovedì 5 aprile 2018

Intervista a C.K. Harp e il ritorno di Dre Walker



Amici e amiche, oggi su Dreaming Land viene a farci compagnia un’autrice che questo blog ha conosciuto solo di recente e che dovrò recuperare per bene. Lo ammetto, con tutte le lacrime che mi ha fatto versare, è entrata di forza nella cerchia delle mie autrici italiane preferite. Ed è per questo che ho l’onore di presentarvi (ora stanno squillando le trombe, le sentite?) C.K. Harp!
Questa donna (sì, è una donna) è talmente brava a mantenere i segreti da aver sputtanato questa sua seconda identità in quanto, due secondi? Non ci sa proprio fare la cara Federica, l’agente della CIA non può essere il suo mestiere. E dato che sono una stronza, voglio sputtanarla un po' anche io. La foto qui accanto è stata presa da Amazon, guardate che serio esemplare di autore in incognito! 
È la prima volta che intervisto una persona con la quale ho parlato per più di cinque minuti, quindi non so proprio cosa scrivere in questa breve presentazione. Vorrei dirvi che Federica è una delle autrici più pazze che abbia mai avuto la fortuna di conoscere (è matta da legare, la adorereste) o che mi fa venire un colpo ogni volta che il suo magico ciuffo cambia colore o che è una mamma dolcissima e una persona di cuore. Magari potrei dirvi che trovo sempre molto strano associare dei libri tragici e strappacuore alla sua persona solare e divertente, o che è talmente brava da riuscire sempre a conquistare un pezzetto di anima. E invece non vi dico nulla, sto zitta e vi lascio leggere la nostra ciacchierata!